Credito d’imposta sulle commissioni per transazioni effettuate mediante mezzi di pagamento elettronici – Applicabilità per il 2023

Credito d’imposta sulle commissioni per transazioni effettuate mediante mezzi di pagamento elettronici – Applicabilità per il 2023

Il credito d’imposta per le commissioni relative ai pagamenti elettronici ricevuti da privati è applicabile anche per il 2023, posto che l’art. 22 co. 1 e 1-bis del DL 124/2019 non prevede alcun limite temporale (vedi l’articolo “Credito di imposta su commissioni POS“).

Possono beneficiare dell’agevolazione gli esercenti attività d’impresa, arte o professioni che nel 2022 abbiano avuto ricavi e compensi non superiori a 400.000,00 euro.
Il credito d’imposta:

  • è pari al 30% delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate, ad esempio, con carte di credito, di debito o prepagate;
  • spetta nei limiti del regime “de minimis”;
  • è utilizzabile esclusivamente in compensazione mediante il modello F24 (codice tributo “6916”), dal mese successivo a quello di sostenimento della spesa.
  • va indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di maturazione e nelle dichiarazioni relative ai periodi d’imposta successivi fino a quello nel quale se ne conclude l’utilizzo;
  • non concorre alla formazione del reddito e della produzione ai fini delle imposte.

Sono tenuti a comunicare all’Agenzia delle Entrate le informazioni necessarie al controllo dell’agevolazione gli operatori che mettono a disposizione degli esercenti i sistemi di pagamento. (per maggiori dettagli vedi l’articolo “Credito di imposta su commissioni POS“)

(*) Fonte Eutekne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Follow by Email
LinkedIn
Share
× Come posso aiutarla?