Finanziamenti agevolati a tasso zero in favore delle imprese danneggiate dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 – Regione Sicilia

Finanziamenti agevolati a tasso zero in favore delle imprese danneggiate dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 – Regione Sicilia

Si tratta di un avviso pubblico con il quale l’IRFIS erogherà finanziamenti agevolati a tasso zero in favore delle imprese con sede in Sicilia danneggiate dall’emergenza epidemiologica da COVID-19.

L’ammontare delle risorse disponibili è pari a € 50.000.000,00 .

L’Agevolazione è costituita da un finanziamento agevolato a tasso zero. Il Finanziamento agevolato ha le sottoindicate caratteristiche:

  • Importo minimo: euro 10.000 (diecimila/00)
  • Importo massimo: euro 100.000 (centomila/00)
  • Durata: 84 mesi, incluso un periodo di preammortamento non superiore a 24 mesi
  • Tasso: pari a zero
  • Rimborso: mediante 20 rate trimestrali costanti (con scadenza al 31/3 – 30/6 – 30/9 – 31/12 di ogni anno)
  • Non è richiesta alcuna commissione a carico dell’impresa ed alcuna garanzia
  • Ai fini dell’istruttoria e della concessione del finanziamento non viene effettuata alcuna valutazione del merito creditizi

Chi può richiedere i finanziamenti a tasso zero IRFIS 2022?

Potranno partecipare alla misura le Piccole, Medie e Micro imprese aventi sede legale o operativa in Sicilia, che hanno subito danni economici dall’emergenza epidemiologica Covid-19 consistenti nella riduzione del fatturato 2020 su 2019 non inferiore al 30%.

I principali requisiti per partecipare, che devono sussistere anche alla data di erogazione del finanziamento, sono:

  1. Essere costituite e regolarmente iscritte come attive nel Registro delle Imprese istituito presso la CCIAA territorialmente competente e hanno sede legale o operativa in Sicilia;
  2. Essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essendo sottoposte a procedure concorsuali e non essendo in stato di scioglimento o liquidazione volontaria;
  3. Aversubito danni economici dall’emergenza epidemiologica Covid-19 consistenti nella riduzione del fatturato 2020 su 2019 non inferiore al 30%;
  4. Essere in regola con il pagamento degli oneri contributivi ed assistenziali, come risultante dal DURC rilasciato da INPS/INAIL, salvo che per il periodo di applicabilità delle disposizioni di cui all’art. 7 L.R. n. 36/2020 e successive modifiche; (Anche se è stata pubblicata la seguente FAQ :”In applicazione di quanto disposto dall’art. 7 L.R. 36/2020, come da ultimo
    modificato dall’art. 12 L.R. 35/2021, al fine di contrastare gli effetti dell’emergenza sanitaria derivanti dal Covid-19 le agevolazioni regionali non cofinanziate con fondi comunitari, concesse nel corso del 2022 a favore delle attività economiche non sono subordinate alla regolarità contributiva, in deroga alle disposizioni in materia. Pertanto, a chiarimento di quanto previsto nell’art. 7 dell’Avviso pubblico in oggetto, si specifica che, nel vigore della suddetta norma, l’asseverazione del revisore legale da produrre a corredo delle domande, non deve attestare anche la regolarità della posizione contributiva.)

Lo studio Montalbano si occupa di tutta la procedura per la richiesta del finanziamento agevolato


Termini per presentare la domanda per richiedere i finanziamenti a tasso zero IRFIS 2022?

Dalle ore 10:00 del giorno 26/01/2022 sino alle ore 17:00 del giorno 31/03/2022 è possibile procedere alla compilazione delle istanze e dei relativi allegati collegandosi all’indirizzo https://sportelloincentivi.irfis.it; la piattaforma non sarà più accessibile dopo le ore 17:00 del 31/03/2022 o qualora la dotazione finanziaria dedicata risulti completamente impegnata prima di tale data;

Alla domanda dovrà essere allegata una asseverazione di un revisore legale, in possesso dei requisiti di legge e di adeguata copertura assicurativa, che attesti:

  • l’ammontare del fatturato degli esercizi 2019 e del 2020;
  • la regolarità della posizione contributiva, previdenziale ed assistenziale del soggetto per il quale è stata presentata la domanda di agevolazione, allegando il relativo DURC in corso di validità rilasciato da INPS/INAIL; tale dichiarazione non è richiesta durante il periodo di applicabilità delle disposizioni di cui all’art. 7 L.R. n. 36/2020 e successive modifiche;

Allegati:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

RSS
Follow by Email
LinkedIn
Share
× Come posso aiutarla?