Contributi ai privati per rimuovere l’amianto dalle abitazioni. Possibile richiedere fino a 5.000 ad abitazione

Contributi ai privati per rimuovere l’amianto dalle abitazioni. Possibile richiedere fino a 5.000 ad abitazione

Scade il: 2 Dicembre 2022

È stato pubblicato dalla Regione Siciliana l’avviso che prevede la concessione ed erogazione, per l’esercizio 2022, di un contributo a fondo perduto, al fine di incentivare i privati cittadini alla rimozione e successivo smaltimento di manufatti o materiali contenenti amianto presenti in unità immobiliari destinate a civile abitazione e relative pertinenze situate nel territorio della Regione Siciliana.
 
La misura è finalizzata a invogliare i cittadini a eliminare i manufatti in amianto pericolosi per la salute e per l’ambiente.
 
La dotazione finanziaria messa a disposizione dall’assessorato regionale all’Energia è di dieci milioni di euro. Il contributo sarà concesso in misura dell’80 per cento dei costi effettivamente sostenuti per un massimo di cinque mila euro; per gli interventi nei condomini l’importo massimo è di 2mila e 500euro per abitazione per un totale, quindi, di 30 mila euro per tutto l’edificio. 

Ma vediamo l’agevolazione in dettaglio.

Contributi per rimozione amianto: chi può richiederli?

Potanno richiedere i contributi:
a. le persone fisiche titolari del diritto di proprietà;
b. le persone fisiche con diritti reali di godimento;
c. i condomini (rappresentati dal loro amministratore di condominio);

Contributi per rimozione amianto: quali immobili rientrano nell’agevolazione?

Le unità immobiliari che rientrano nel’agevolazione sono quelle destinate a civile abitazione, e relative pertinenze, debitamente accatastate con codici A/1,A/2,A/3,A/4,A/5, A/6, A/7, A/8, A/9, A11, C/2, C/6 C/7 e F/5, ubicate nel territorio della Regione Siciliana.

Contributi per rimozione amianto: Quali interverti sono ammessi?

Sono oggetto del contributo regionale a fondo perduto le spese sostenute per interventi di rimozione e successivo smaltimento di manufatti o materiali contenenti amianto presenti in unità immobiliari destinate a civile abitazione, relative pertinenze, ovvero concernenti
manufatti condominiali, riguardanti:

  • coperture in cemento-amianto;
  • manufatti in cemento-amianto posti all’interno degli edifici quali, a titolo esemplificativo, canne fumarie, tubazioni, vasche, serbatoi;
  • pavimenti in vinyl-amianto;
  •  manufatti in amianto friabile;
  • materiali presenti/depositati in aree private, purché non si tratti di rifiuti abbandonati;

Sono anche  ammissibili al contributo le spese strettamente connesse agli interventi di rimozione e successivo smaltimento di manufatti o materiali contenenti amianto presenti in unità immobiliari destinate a civile abitazione e relative pertinenze, ovvero in aree condominiali.

Nello specifico, sono ammissibili a contributo esclusivamente le spese relative a:

  • elaborazione del Piano di lavoro da presentare alla ASP (ex art.256 del d.lgs.81/2008);
  • esecuzione dei lavori di rimozione dei manufatti contenenti amianto;
  • trasporto e conferimento dei rifiuti contenenti amianto presso impianti autorizzati;
  • eventuale allestimento del cantiere di lavoro (es. ponteggio e sicurezza);
  • eventuali oneri amministrativi correlati all’esecuzione dei lavori

Sono esclusi dal contributo:

  • gli interventi concernenti le opere di ripristino e la realizzazione e messa in opera di manufatti sostitutivi;
  • la quota degli interventi che hanno beneficiato, all’atto della presentazione della rendicontazione, di altre agevolazioni/finanziamenti pubblici (esempio eco-sisma bonus, bonus ristrutturazione edilizio, etc), ovvero intendendosi eleggibile nel potenziale beneficio gli interventi sulla parte di ristrutturazione edilizia a carico del cittadino;
  • interventi relativi a immobili utilizzati quali beni strumentali per lo svolgimento dell’attività professionale/artigianale;

Sono da considerarsi interventi riferibili alla singola unità immobiliare e relative pertinenze, i manufatti contenenti amianto nella proprietà del beneficiario e a servizio della predetta unità immobiliare, anche se collocati in aree comuni o condominiali (vedi, ad esempio, un serbatoio ad uso esclusivo dell’abitazione collocato su spazi condominiali);

Gli interventi di rimozione dei manufatti contenenti amianto devono essere effettuati esclusivamente da parte di imprese iscritte alla categoria 10 dell’Albo Gestori ambientali; il trasporto degli stessi a fini dello smaltimento deve essere effettuato da imprese iscritte alla categoria 5 dell’Albo Gestori ambientali; ciononostante gli interventi potranno essere realizzati da ditte/professionisti che si potranno avvalere delle ditte autorizzate per gli scopi previsti dalla normativa;

Sono eleggibili al contributo regionale a fondo perduto esclusivamente interventi effettuati successivamente alla presentazione della domanda di partecipazione al presente Avviso. Nessuna spesa è eleggibile laddove non si dimostri che i manufatti contenenti amianto di cui alla domanda non siano stati rimossi e smaltiti.

Contributi per rimozione amianto: a quanto ammontano?

Il contributo a fondo perduto erogabile sarà concesso in misura dell’80% dei costi effettivamente sostenuti in relazione agli interventi ammissibili.
Per ciascuna unità immobiliare, ivi ricomprese le relative pertinenze, il contributo massimo erogabile non può, comunque, superare l’importo di  5.000 €.
Per gli interventi afferenti a manufatti condominiali, il contributo massimo erogabile a ciascun condomino non può superare l’importo di € 2.500,00 (duemilacinquecento/00) per unità immobiliare, comprensiva di eventuale relativa pertinenza nel limite massimo complessivo di € 30.000 per condominio;

Contributi per rimozione amianto: come richiederli?

Le domande di contributo dovranno essere sono presentate esclusivamente on- line attraverso la cosiddetta “piattaforma” raggiungibile al sito internet www.bandoamianto.regione.sicilia.it dalle ore 12:00 del 19 settembre 2022 alle ore 18:00 del 2 dicembre 2022.

Per maggiori info e istruttoria della pratica potete contattare lo studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

/** * The template for displaying the footer * * Contains the closing of the #content div and all content after. * * @link https://developer.wordpress.org/themes/basics/template-files/#template-partials * * @package Cream_Magazine */ ?>
RSS
Follow by Email
LinkedIn
Share